saldatura italia

Ossicombustione: il processo di ossitaglio degli acciai

Scopri come funziona l'ossicombustione e i suoi vantaggi nel settore industriale.

Siete un'industria e volete scoprire di più sul taglio degli acciai? Air Liquide, leader mondiale nel settore dei gas, illustra il processo di ossitaglio.

schema del processo di ossitaglio

Cos'è l'ossitaglio? 

L'ossitaglio è un processo di taglio per combustione. La combustione (localizzata e continua) avviene grazie all'azione di un getto di ossigeno puro e agisce su un punto portato a una temperatura di 1300 °C (temperatura di innesco).

A 1300 °C, il Ferro si combina con l’Ossigeno circostante creando ossidi di ferro e liberando calore (reazione esotermica).  Una volta innescata la reazione di ossidazione, questa viene alimentata con un getto di ossigeno in pressione che di fatto accelera la reazione e fonde rapidamente gli strati inferiori del materiale generando il solco di taglio. Combinando tale azione con lo spostamento del cannello avviene il taglio progressivo della lamiera. Il getto di taglio dell'ossigeno ha anche la funzione meccanica di eliminazione delle scorie (ossidi di ferro).

La fiamma di riscaldo permette anche di di mantenere in temperatura  la zona da tagliare  e quindi di mantenere le condizioni di ossidazione (1300 °C) e contribuire alla continuità del taglio .

Il combustibile comunemente utilizzato nella fiamma è l'acetilene, ma possono essere utilizzati anche altri combustibili a seconda dell'applicazione e delle attese del cliente in termini di produttività e qualità del taglio. Per alti spessori sono talvolta preferibili altri combustibili, come ad esempio il metano che ha caratteristiche fisico chimiche ottimali per mantenere alimentato il taglio fino a spessori di 2000 mm.

Questo processo di taglio necessita di:

  • Una fiamma di riscaldamento. Tale fiamma è anulare rispetto al profilo della punta da taglio. Permette l'avvio e il mantenimento del taglio. Le fiamme più comunemente utilizzate sono: ossiacetilenica, ossipropano, ossimetano.
  • Un getto di ossigeno di taglio. E’ assiale (centrale) rispetto al profilo della punta da taglio. Il getto permette di ottenere una buona qualità di taglio, favorendo la reazione di ossidazione nel kerf ristretto fino a tutto lo spessore di taglio. 

Lo sapevate? La fiamma di riscaldo contribuisce anche a mantenere la temperatura sufficientemente alta da mantenere alimentata la reazione chimica di ossidazione. Durante il lavoro con pezzi in acciaio inossidabile, viene utilizzata polvere di ferro per favorire la reazione esotermica che altrimenti si alimenterebbe con estrema difficoltà. Questo processo non è tuttavia quasi più utilizzato, a favore del taglio plasma.

Quali sono i vantaggi dell'ossitaglio?

L'ossitaglio permette di tagliare materiali molto spessi (diverse decine di centimetri).

Questo processo offre buone qualità di taglio senza spellature indipendentemente dallo spessore, a differenza di altri processi come il plasma e il laser. Inoltre,

il costo del materiale di base (apparecchiature ed energia) è relativamente contenuto e la produzione è rapida.

Tuttavia, la superficie di taglio risulta intrinsecamente ossidata. Si rende dunque necessaria una lavorazione prima del passaggio a operazioni successive come ad esempio l'assemblaggio mediante saldatura.

Hai qualche domanda sulla saldatura industriale? Compila il nostro form di contatto

I nostri esperti ti risponderanno velocemente
Data and privacy