Confezionato in atmosfera protettiva

Quali sono le diverse macchine confezionatrici per il M.A.P.?

Scopri i diversi tipi di macchine per il confezionamento in atmosfera protettiva.

A seconda delle caratteristiche dei vostri prodotti alimentari e delle esigenze del vostro mercato (modalità di distribuzione, esigenze di marketing) sono possibili diversi tipi di confezioni: sacchetti prefabbricati, sacchetti termoformati, vaschette o vassoi rigidi prefabbricati, vaschette o vassoi rigidi termoformati.

Come scegliere tra una macchina a lavaggio gassoso e una macchina a vuoto compensato?

Stai iniziando a utilizzare il MAP?

 

Le confezionatrici a campana

Le confezionatrici a campana rispondono alle tue esigenze

  • funzionamento manuale
  • capacità di produzione da 2 a 3 cicli/min
  • livello di ossigeno residuo <1%
    (a seconda della potenza della pompa a vuoto e del tempo di messa in vuoto)

È la soluzione per le industrie che vogliono iniziare a usare il MAP
              consumo mensile: circa 50m3/mese

  •  Determinare il tuo fabbisogno di gas è semplice:
     1 volume di gas per 1 volume della campana

Il numero di sacchetti o vassoi per ciclo di confezionamento dipende dalle dimensioni del sacchetto e della campana.

Per ritmi di produzione più elevati: optare per sigillatrici o termoformatrici

Sigillatrici o termoformatrici

Le macchine termosaldatrici

  • Semi-automatiche, sono integrate nel processo
  • in linea.
  • Ritmo più elevato rispetto alle macchine a campana.
  • Raccomandate per tassi di produzione inferiori
  • a 2000 vassoi al giorno.
  • Livello di ossigeno residuo <1% di ossigeno

Consumo di gas: tra 100 e 500 m3 /mese.

Il vostro fabbisogno di gas = volume della confezione x3

Termosaldatrice orizzontale MAP Air Liquide

Le macchine termoformatrici

  • Funzionamento continuo e automatico.
  • Si integrano nella linea produttiva esistente
  • Ritmi molto elevati, fino a 15-20 cicli
  • al minuto.
  • Livello di ossigeno residuo < 1 % di ossigeno

Consumo di gas: tra 100 e 2000 m3 /mese.

Il tuo fabbisogno di gas = volume della confezione x3

Un piccolo consiglio!
L'aggiunta di spessori nella macchina riduce il volume della campana e quindi ottimizza il tuo consumo di gas!

Vuoi confezionare i prodotti in sacchetti? Le macchine a lavaggio gassoso, termosaldatrici verticali (VFFS per Vertical Form Fill Seal) o orizzontali (HFFS) soddisfano le tue esigenze!

Dedicate ai prodotti che non tollerano il vuoto, queste macchine sono in grado di produrre confezioni da un unico rotolo di film.

Poiché l'atmosfera è sostituita da un flusso di gas per il confezionamento, il suo fabbisogno sarà superiore a quello di una confezionatrice a campana.

  • Funzionamento automatico.
  • Macchine integrate nel processo.
  • ritmi sono molto alti: da 60 a 120 colpi al minuto.

Questa tecnica non raggiunge l'1% di contenuto di ossigeno, ma piuttosto il 3%.

Questo tipo di macchina è riservato ai prodotti che possono sopportare questi tenori di O2 residui.

Per ottenere questi contenuti, in media vengono iniettati da 3 a 8 volumi di gas / volume totale della confezione.

Termosaldatrice orizzontale
Termosaldatrice orizzontale
Termosaldatrice verticale
Termosaldatrice verticale

Per i prodotti sensibili all'ossidazione, utilizzare un vuoto compensato

A seconda della tecnologia della macchina confezionatrice utilizzata per eseguire il confezionamento in atmosfera protettiva, il livello di ossigeno residuo e i requisiti del gas saranno diversi:

  • vuoto compensato (macchina sigillatrice, macchina a campana, macchina termoformatrice), il livello di O2 residuo sarà <1% e il fabbisogno di gas: 1 volume di gas / volume della campana,
  • lavaggio gassoso (termosaldatrice orizzontale o verticale), il tasso di O2 residuo sarà <3% e il fabbisogno di gas: 5 volumi di gas / volume del sacchetto.

Per i prodotti particolarmente sensibili all'ossigeno, è quindi preferibile utilizzare macchine a vuoto compensato per garantire un contenuto minimo di ossigeno nella confezione al momento del confezionamento.

Nel caso particolare di prodotti "che respirano" come frutta, verdura e prodotti di quarta gamma, il confezionamento in atmosfera protettiva viene effettuato con un film perforato o microperforato. Questo assicura un'atmosfera modificata in equilibrio (EMAP) attraverso lo scambio di gas tra l'atmosfera nella confezione e l'ambiente.

Il plus degli esperti di Air Liquide

Quindi, per scegliere la giusta confezionatrice, è necessario prendere in considerazione:

  • la natura del prodotto e l'aspetto desiderato del prodotto finito,
  • la portata prevista,
  • il livello di automazione desiderato,
  • la natura della confezione e/o del film: proprietà di barriera dell'imballaggio,
  • il livello target di ossigeno residuo e il livello di vuoto desiderato,
  • il consumo di gas (con reiniezione o lavaggio gassoso).
 

Hai bisogno di informazioni commerciali, quotazioni, info su prodotti, applicazioni o servizi?

Compila questo form, il team di Air Liquide ti contatterà il più presto possibile.
Data and privacy